29 Ottobre 2014 44 commenti

I 10 spinoff che vorremmo vedere di Diego Castelli

10 idee che i network dovrebbero sposare SUBITO

:
:
:
Nel magico mondo telefilmico, lo spinoff è una strana entità. Spesso desiderato e acclamato, per la sua capacità di ampliare e prolungare le emozioni regalate da una certa serie tv, può essere un’arma a doppio taglio, uno strumento con cui le reti televisive provano a spremere fino all’ultima goccia (e senza grande necessità) un concept che ha già dato tutto.
Accanto a spinoff di buon successo, direttamente collegati alla serie madre (Angel, Private Practice), si accompagnano quelli che sono spinoff quasi solo di nome, ma della cui natura “derivata” nessuno si ricorda (vedi NCIS). E poi, ovviamente, ci sono gli spinoff brutti, o inutili, o persino dolorosi: tipo Joey, lo spinoff di Friends che più che essere brutto di per sé (non era neanche ‘na bellezza, ovviamente) era troppo difficile da guardare, perché ricordava a ogni inquadratura che dei mitici sei ne era rimasto solo uno.

Ebbene, noi riteniamo di dover dare il nostro fondamentale contributo, affinché i network non incorrano in facili errori, puntando invece a idee che farebbero di sicuro la loro fortuna.
Ecco i dieci spinoff che tutti noi vorremmo vedere.
:
:

1. Hitler, She Wrote
1943: la diciottenne Jessica Fletcher non riesce a stare con le mani in mano nella tranquilla Cabot Cove, mentre dall’altra parte dell’oceano tanti giovani come lei stanno combattendo la minaccia nazista. Rapita dal fervore patriottico, Jessica si arruola e parte alla volta dell’Europa, dove viene presto assoldata per infiltrarsi tra le linee nemiche e raccogliere preziose informazioni. Diventa presto una leggenda quando i suoi superiori si accorgono che, dovunque vada, qualcuno muore. Ben presto una paura superstiziosa si diffonde tra le forze dell’Asse, terrorizzate da questa nuova arma dal nome in codice di “The Jessica”.
Hitler Jessica



2. Dreamatorium
In questo spinoff di Community, Troy torna a Greendale dopo un anno sabbatico, ritrovando l’amico di sempre Abed. I due decidono di abbandonare il resto del gruppo per rifugiarsi nel loro Dreamatorium, la stanza segreta dove tutto è possibile. E da lì è un grande ammasso di viaggio nel tempo e nelle dimensioni. In pratica è Doctor Who con Troy e Abed.
Dreamtorium
3. Old Jesse
Dopo il prequel Batter Call Saul, ecco il sequel di Breaking Bad: ormai adulto, l’ex spacciatore Jesse Pinkman è felice della vita che si è costruito dopo le (dis)avventure con Walter White. Ma Jesse non ha dimenticato l’amico, ed è diventato a sua volta un mite professore di chimica, ormai dimentico del suo famigerato passato di boss della droga. Tutto cambia improvvisamente quando, durante un controllo di routine, a Jesse viene diagnosticato un tumore…
Old Jesse

4. Ron Swanson’s Manly Things
Ex impiegato statale ormai ritiratosi a vita privata, Ron Swanson vive tra i monti in solitudine quasi completa, fatta eccezione per i suoi fidi aiutanti. Costruisce arredi in legno, fa tremolare i baffi, e snocciola perle di virile saggezza direttamente negli occhi dello spettatore.
Ron Swanson

5. The East Wing
Tutti sanno che nell’ala Ovest della Casa Bianca vengono prese decisioni di capitale importanza per gli Stati Uniti e per il mondo intero. Pochi sanno, però, quello che accade nell’Ala Est: quasi niente. Progetto improntato al più estremo minimalismo, The East Wing racconta di lunghi corridoi appannati alla polvere, impiegati senza nulla da fare se non giocare a freccette, segretarie malinconiche intente a fissare telefoni che non squillano mai. Una silenziosa epopea sullo spreco di denaro pubblico, dove i cliffangher sono gli stessi di The West Wing, solo ascoltati attraverso il muro.
East Wing

6. Chicago Tire
Dopo Chicago Fire e Chicago PD, un nuovo appassionante affresco della vita della Citta del Vento. Questa volta l’attenzione è tutta per i gommisti che riforniscono di pneumatici le stazioni dei pompieri e della polizia. Una vita apparentemente tranquilla e senza emergenze rivela presto tutta l’importanza di un lavoro fondamentale, perché se non hai le gomme col cazzo che vai col camion a spegnere gli incendi.
Chicago Tire mod

7. Batman
Sequel ideale di Gotham, Batman racconta la vita adulta di Bruce Wayne, il bambino rimasto orfano a seguito dell’omicidio dei ricchi genitori. Accecato dalla sete di giustizia e pronto a usare il suo ingente patrimonio per difendere i più deboli, il giovane Bruce cresce allenando lo spirito e il corpo, fino alla decisione che non ti aspetti: entrare in gioco in prima persona per ripulire la città dal crimine, aiutanto il vecchio amico Jim Gordon che da solo proprio non ce la fa. La cosa bella è che Bruce decide di dare una mano mettendosi addosso… cioè diciamo mascherandosi e usando il nome di…

Ho una strana sensazione di dejà vu…
Batman

8. Pacey Cooks

Nei cinque anni trascorsi tra il penultimo episodio di Dawson’s Creek e il series finale, Pacey Witter fa il cuoco. Mentre tutti gli altri intraprendono carriere folgoranti, si trasferiscono nelle grandi metropoli e diventano star di Hollywood, lui rimane a Capeside a friggere sardine, in attesa che l’amata Joey Potter decida di mollare tutto per tornare da lui. Un dramma dell’attesa, asciutto e bruciante, a metà fra Il deserto dei Tartari di Buzzati e Cotto e mangiato della Parodi.
Pacey chef

9. Hodor
Finiti i problemi a Westeros, il gigante Hodor torna a casa dalla famiglia, dalla moglie e dai figli di cui nessuno sapeva niente, e inizia una placida vita nei sobborghi. La sitcom Hodor racconta di simpatiche baruffe familiari, piccoli problemi di economia domestica e conversazioni poco profonde. Scarsa l’attenzione riservata ai dialoghi, ma grande uso di sapienti tormentoni.
Hodor

:
:
10. E per finire, vorremmo vedere tre spinoff di Grey’s Anatomy:

Target is Grey
La storia dell’uomo che ucciderà Meredith.

The Real Grey’s “Anatomy”
Le cose che le fa quando la prende.

Grey’s Hell
Meredith nell’aldilà, ovviamente condannata a un inferno dove tutti possono parlare e lamentarsi tranne lei.
:
Greys Hell



CORRELATI