8 Febbraio 2019 5 commenti

Wayne season finale: tutto confermato, grande serie! di Diego Castelli

Ci avevano già convinto i primissimi episodi, ma tutta la prima stagione di Wayne merita applausi e cuoricioni

Wayne-youtube-finale (4)

 

SPOILER SU TUTTA LA PRIMA STAGIONE



Sui primissimi episodi di Wayne ho scritto pochi giorni fa, e avevo seriamente paura di ripetermi. Però il resto della stagione mi ha trasmesso un entusiasmo fanciullesco che voglio comunque condividere.

Previously on Serial Minds
L’articolo iniziale su Wayne lo trovate a questo link. Per riassumere, serie di Youtube Premium che è un incrocio fra Shameless e The End of The F***ing World, con un protagonista sociopatico e violento capace però di sentimenti tanto primitivi quanto veri e condivisibili. Un viaggio on the road con una ragazza di cui Wayne è innamorato, e con la quale attraversa tutti i classici stadi dell’amore adolescente, immerso però in un’atmosfera di surreale violenza.

Fine del previously. Il resto della stagione ha sostanzialmente confermato le impressioni iniziali, con tanto divertimento e un po’ di tenerezza. Vorrei però che questo miscuglio non fosse dato per scontato. Wayne è una serie di forte impatto, perché si presenta al pubblico con scene di violenza esagerata e iperbolica, senza risparmiare su sangue, ossa spezzate e una quantità di nasi fratturati. Ma se fosse solo questo sarebbe troppo poco.
Per questioni di formato, il cinema può ancora permettersi le caciaronate fini a se stesse, perché puoi accettare di spegnere cuore e cervello per un’ora e mezza, facendo andare solo la pancia e, magari, la curiosità per qualche innovazione tecnica. Con le serie è più difficile, perché seguire più di dieci episodi, magari rinnovati per più stagioni, se dei personaggi non ci frega niente, finisce con lo stufare. Il risultato, per dire, è Blood Drive, una serie che aveva un suo stile bello preciso e una verve visiva non da poco, ma che ha fallito quando si è trattato di far affezionare il pubblico ai suoi protagonisti, che erano solo strumenti per le carneficine.

Wayne-youtube-finale (7)

Ecco, con Wayne il problema non si pone. Ci importa un sacco di Wayne e Del, del loro amore acerbo e impaurito (entrambi fanno sempre i duri, ma quando si tratta di arrossire per amore, ah, se arrossiscono!), dei loro problemi familiari, dei loro sogni e aspirazioni.
È chiaro che una parte del divertimento continua a essere legato alle scene più turpi e violente, spesso mescolate a una comicità slapstick deviata al pulp. Ma funziona davvero perché dentro ogni pugno e ogni calcio gli autori riescono a innestare l’affetto che proviamo per i personaggi, e la voglia che abbiamo di vederli uscire vincitori. Non solo corpi in movimento, quindi, ma persone a cui vogliamo bene.

Wayne-youtube-finale (8)

Nella seconda parte della stagione Wayne e Del trovano effettivamente l’automobile del padre di Wayne e, con lei, la madre che aveva abbandonato il ragazzo anni prima. Maureen ovviamente è una grezzona che si è messa con un demente violento, diventando matrigna del figlio di lui, che più scemo e irritante non si potrebbe (la madre, vale la pena dirlo, è interpretata da Michael Watkins, già apprezzata in Casual e Transparent).
Appena vediamo com’è la situazione, sappiamo già come andrà a finire, ma questo non ci impedisce di ficcarci dentro i sentimenti: Wayne riscopre la gioia di avere una madre, e nel suo tornare un po’ bambino finisce con l’allontanare anche Del, che invece è scettica nei confronti della donna. Maureen, dal canto suo, incoraggia l’affetto del figlio, salvo poi sbattergli la porta in faccia quando il nuovo compagno la mette di fronte alla scelta fra il ragazzo e il suo comodo posto in casa. Come da manuale, Maureen abbandona nuovamente il figlio, che a quel punto si trova alla mercé di patrigno e fratellastro, personcine ideali per dare inizio a una nuova spirale di botte.

In questo percorso, il nostro affetto per i due giovani protagonisti cresce di scena in scena. Sono inadeguati, goffi, litigiosi, sboccati e ingestibili, ma abbiamo sempre la chiara impressione che non si meritino le sfighe che gli accadono. Il loro modo di comportarsi è una difesa contro un mondo ostile, e non a caso riescono a lasciarsi andare al pianto o alla tenerezza non appena quel mondo riesce a essere chiuso fuori per qualche minuto. La loro fragilità, unita però alla ferocia con cui reagiscono al destino avverso, li trasforma in (anti)eroi da amare incondizionatamente.

Wayne-youtube-finale (1)

A questo bisogna aggiungere poi un ulteriore elemento che nei primissimi episodi era solo accennato, cioè il ruolo degli inseguitori. Per motivi diversi, ma solo in apparenza, Wayne e Del sono costantemente braccati da due diverse coppie: da una parte i poliziotti che vorrebbero catturarli per consegnarli alla giustizia, dall’altra il preside della scuola che hanno mollato, insieme con Orlando, migliore (non che unico) amico di Wayne. Le due coppie sembrano mosse da obiettivi molto differenti, ma in realtà si assomigliano: entrambe vogliono arginare la follia di Wayne e Del, ma anche proteggerli dalle conseguenze più nefaste delle loro azioni. Che siano mossi da amicizia o da dovere professionale, questi quattro aiutanti molto sui generis finiscono per dare una mano decisiva ai due fuggitivi, salvandoli dalla violenza (con sfoggio di tatuaggi tamarri e deliziosi passati oscuri) e/o dalla perdizione, offrendo un supporto che nemmeno loro sanno spiegarsi.

A muoverli, in realtà, c’è un desiderio di realizzazione e di riscatto, che evidentemente non riguarda solo i protagonisti: chi più chi meno, e ognuno con le sue sfumature, tutti i “buoni” di Wayne sono mossi dallo stesso desiderio di trovare un posto nel mondo, di fare qualcosa che valga davvero, di non buttare la propria esistenza in routine vuote e senza significato. Inseguire e salvare Wayne e Del (come fanno gli spettatori, peraltro) diventa un modo per dare senso alla propria vita, per sentirsi persone migliori.

Wayne-youtube-finale (5)

A ripagare questo sforzo c’è una scena in particolare, quando si viene a sapere che Wayne veglia da anni su Del, proteggendola fin da quando, tempo prima, aveva impedito che certe sue foto e video compromettenti venissero usate per ricattarla. Quando lo viene a sapere, Del scopre un lato nuovo dell’ansia giustizialista di Wayne, che fino a quel momento aveva agito solo d’impulso: con lei no, lei è oggetto della sua protezione segreta da anni, un gesto benevole, continuato e disinteressato che non può che far divampare di nuovo l’amore verso di lui. Da una parte i poliziotti salvano Wayne dalla morte, dall’altra il preside e Orlando raggiungono Del e salvano l’amore che lei prova per il protagonista. Alla fine tutto si ricompone, e noi applaudiamo come bambini perché riconosciamo e apprezziamo sentimenti veri e forti in una cornice fumettosa e violenta, il massimo.

Tanto mi è piaciuta questa dinamica, che ho finito per non apprezzare del tutto il cliffhanger finale, in cui i ragazzi vengono nuovamente divisi, Wayne imprigionato e Del “rapita” dal padre. Ne capisco il senso narrativo e commerciale, ma arriva come una stortura in una storia che a quel punto meritava il lieto fine. Ma bisogna pure ammettere che vedere Wayne pronto a combattere di nuovo ci dà comunque una scarica di adrenalina: in questa stagione inseguiva una macchina, nella prossima punterà a salvare la donna che ama. E dai dai dai.

(PS La seconda stagione non è ancora stata confermata mentre scrivo queste righe, ma spero che nessuno faccia scherzi!)

Wayne-youtube-finale (2)

Argomenti wayne, youtube


CORRELATI