27 Gennaio 2016 4 commenti

24 Legacy: il nuovo Jack Bauer si chiamerà Eric e avrà questa faccia qui di Diego Castelli

Riusciremo a guardare 24 senza Jack?

Mandatory Credit: Photo by Buckner/Variety/REX/Shutterstock (4937681bc) Corey Hawkins 'Straight Outta Compton' film premiere, Los Angeles, America - 10 Aug 2015

Se ne parlava ormai da un po’, praticamente da subito dopo la miniserie conclusiva del 2014.
Ebbene, FOX ha ufficialmente messo in produzione 24: Legacy, reboot della serie in tempo reale che aveva dato fama galattica a Kiefer Sutherland nei panni del roccioso agente antiterrorismo Jack Bauer, e ora ha scelto il suo protagonista.

Eh sì perché Sutherland non sarà più della partita, ed era necessario trovare un volto nuovo che potesse spaccare crani di minuto in minuto, cronometro alla mano.
Alla fine la scelta è caduta su Corey Hawkins, attore nemmeno trentenne visto da poco in The Walking Dead nei panni di Heath e molto conosciuto negli States per la sua parte nel recente Straight Outta Compton.



Parliamo di una bella bestia di più di un metro e novanta, molto giovane, sicuramente meno conosciuto di Kiefer Sutherland all’epoca, e nero. Un casting che insomma punta a una differenza immediata rispetto al passato, probabilmene nell’intento di dare un taglio netto limitando al minimo i confronti, che comunque saranno inevitabili.

Hawkins interpreterà Eric Carter, ex militare dal passato difficile che si troverà a chiedere l’aiuto del mitico CTU per salvarsi la vita e, poi, salvare gli Stati Uniti da una nuova e spaventosa minaccia terroristica.
Dana Walden, CEO di Fox, ha dichiarato che sarà una storia tutta nuova, con qualche minimo riferimento ad alcuni vecchi personaggi, ma senza alcun attore/attrice proveniente dalla serie originale.

Che dire, potrebbe essere durissima guardare una serie che si chiama 24 e non vedere mai Jack Bauer (ne avevamo parlato diffusamente qui).
Allo stesso tempo, come più volte sottolineato dallo stesso Sutherland, ciò che ha reso forte lo show in prima battuta era l’idea di messa in scena che ci stava sotto, un’idea indipendente dalla faccia dell’eroe.

Io sono per natura ottimista e sono anche convinto che sì, 24 è Jack Bauer ma anche ansia, suspense, cronometro e sikkum, sikkum, sikkum.
Però caro Corey ti dovrai impegnare di brutto, perché avrai sulle spalle un’eredità pesantissima. Facci sognare, o sprofonda nell’oblio!

 



CORRELATI