26 Gennaio 2017 1 commenti

FOX e X-Men: in preparazione una serie sui mutanti diretta da Bryan Singer di Diego Castelli

Sempre più gente super in tv

Mutanti

Negli ultimi anni il mondo degli X-Men, i famosissimi mutanti di casa Marvel, è diventato terreno di una battaglia molto umana e ben poco supereroistica: com’è noto, la Marvel (a sua volta posseduta dalla Disney) possiede i diritti per la trasposizione cinematografica di quasi tutti i suoi famosissimi personaggi, ma non quelli degli X-Men, che rimangono in casa FOX.
È per questo che negli ultimi tempi i mutanti hanno avuto sempre meno peso nel mondo fumettistico Marvel, ed è sempre per questo che la stessa Marvel sta spostando la sua attenzione televisiva sugli Inumani, che dal punto di vista puramente narrativo possono essere una specie di sostituto dei mutanti (dopo la loro introduzione in Agents of SHIELD, gli inumani sono pronti a una serie tutta loro, che debutterà ad autunno 2017).

Com’è, come non è, FOX non ha mai avuto intenzione di restare a guardare, anche se le sue ultime esperienze cinematografiche hanno avuto riscontri altalenanti, per lo meno in termini di qualità (sia Deadpool che X-Men: Apocalypse hanno guadagnato bene, ma il primo è figo vero, il secondo è assai perdibile).



Director Bryan Singer arrives as New Line Cinema in association with Legendary Pictures presents the Los Angeles Premiere of "Jack The Giant Slayer" at The TCL Chinese Theater in Los Angeles, CA on Tuesday, February 26, 2013 (Alex J. Berliner/ABImages) via AP Images

Ora la battaglia continua in tv, e FOX ha intenzione di sfoderare proprio l’arma mutante. È di questi giorni la notizia di un progetto seriale, al momento senza titolo, che racconterà di due genitori “normali” che si ritrovano con due figli mutanti e sono poi costretti a fuggire di fronte a un governo ostile, finendo con l’incontrare una rete segreta di homo sapiens superior che si muove e agisce nell’ombra.
Il concept, con ogni evidenza, ricalca molti temi cari del mondo mutante, tanto che verrebbe pure da chiedersi “ma se devi raccontare quella storia lì, perché non farlo con i personaggi famosi?”. La risposta ovviamente sta nell’impossibilità di coinvolgere personaggi che hanno ancora una loro importante vita cinematografica, anche se la speranza di ogni fan che si rispetti è sempre quella, in una serie come questa, di sentire lo “Snikt” delle lame di Wolverine, o qualche perla di saggezza del buon Xavier.

Vedremo. Intanto nelle ultime ore è giunto un importante dettaglio in più: il pilot della serie, che sarà scritta da Matt Nix (creatore di Burn Notice e grande fan della Marvel), sarà diretto da Bryan Singer, cioè colui che la saga cinematografica degli X-Men l’ha iniziata con i primi due film, e l’ha pure rilanciata lavorando a First Class e dirigendo Giorni di un futuro passato. Certo, è pure lo stesso regista di Superman Returns e del citato Apocalypse, ma anche quello de I Soliti Sospetti, nonché il produttore di House.
Insomma, la sua presenza non ci dà la certezza del botto, dipende da come si sveglia quella mattina lì, ma un po’ di hype a questo punto vale comunque la pena di mettercelo.



CORRELATI