30 Marzo 2020

Serial Moments 421 – Dal 22 al 28 marzo 2020 di Diego Castelli

Addii allucinati, parole grossissime e fanta-camei clamorosi

ATTENZIONE! SPOILER SINTETICI DI THE GOOD DOCTOR, BELGRAVIA, BETTER CALL SAUL, GREY’S ANATOMY, THE WALKING DEAD, THIS IS US, WESTWORLD, STAR TREK: PICARD

8.The Good Doctor 3×19 – Tenerezze alla radio
Puntata al sapor di Grey’s Anatomy in cui un forte terremoto mette a rischio la vita di vari protagonisti, fra cui Lea. Shaun cerca di salvarla, si imbatte invece in un’altra ferita, e non può sapere che, quando spende parole commoventi per Lea poche ore dopo averla pesantemente insultata, la ragazza lo sta ascoltando attraverso una radio. Una dinamica da film romantico puro, ma basterà per far cambiare idea a Lea e farle accettare l’idea di stare col Shaun?

7.Belgravia 1×02 – Vecchie stronze
Ahhh, la straordinaria capacità di Julian Fellows di mettere a disagio i suoi personaggi! Qui la bomba scoppia quando la Contessa di Brockenhurst invita a una delle sue molte feste il nipote da poco ritrovato, facendo così scoprire ad Anne, la nonna che ancora non l’aveva mai visto, che anche suo marito lo frequenta da molto tempo. In più, Anne si rende conto che la Contessa, lungi dall’essere la povera vecchina meritevole di giustizia che lei pensava, sta complottando per fare in modo che il giovane Charles venga effettivamente riconosciuto come suo nipote, senza doverlo dire apertamente, e senza fregarsene minimamente della reputazione della madre, la defunta Sophia. Mi rendo conto che è come se avessi riassunto una puntata di una telenovela brasiliana, però oh, le dinamiche son quelle, ma la classe nel raccontarle è tutta un’altra cosa.



6.Better Call Saul 5×06 – Kim
Puntata quasi tutta dedicata a Kim, che parte dal suo passato di ragazzina con la madre alcolista, e arriva a dover prendere decisioni importanti circa il suo rapporto con Jimmy/Saul, che con la sua ennesima piazzata (scena di eccezionale istrionismo negli uffici di Mesa Verde) l’ha messa in grossa difficoltà al lavoro. Il finale, sorprendente, sembra sul punto di arrivare a una rottura, se non fosse che Kim, a quel punto, propone a Jimmy di sposarla. Quello che si dice un twist!
(e siamo sempre più curiosi, e pure un po’ terrorizzati, di sapere che fine farà Kim da qui al termine della serie, visto che sappiamo benissimo che NON farà parte del futuro di Saul, che già conosciamo da Breaking Bad)

5.Grey’s Anatomy 16×19 – Richard
Non è mai stato il personaggio principale della serie, e io ricordo una conferenza stampa di tanti anni fa, con buona parte del cast riunito a Milano, in cui tutti gli attori ricevettero varie domande da giornalisti e fan, tranne lui. E però Richard è lì dall’inizio, è un po’ il papà di tutti, e questo episodio, tanto preciso quanto spietato, ce ne mostra un declino improvviso e forse inesorabile: quando abbiamo visto che la ex moglie, con cui si era appena riconciliato, era in realtà solo una sua fantasia, abbiamo capito dove saremmo andati a parare, e vederlo parlare a vanvera durante la sua presentazione, facendo scorrere disegnini terrificanti che nella sua mente erano state brillanti intuizioni mediche, ha fatto proprio male.

4.The Walking Dead 10×13 – Goodbye Michonne
E arrivò anche il momento di salutare Michonne, che se ne va dalla serie al termine di un episodio tutto a lei dedicato, arrivato dopo i macelli della scorsa settimana, con la morte di Alpha e tutto il resto. È un episodio allucinato e allucinatorio in cui Michonne, drogata da Virgil, ci conduce in vari “what if” in cui vediamo cosa sarebbe potuto accadere di lei, se non avesse incontrato Rick e non avesse abbandonato la sua spietatezza iniziale. Molte le suggestioni e molti i ritorni, e la scena di maggiore impatto è certamente quella di una Michonne che fa combutta col primo Negan e partecipa al massacro dei nostri protagonisti a colpi di mazza.
Nel finale, invece, momenti di elevata improbabilità: Michonne scopre indizi sulla possibile sopravvivenza di Rick, e per questo parte a cercarlo, lasciando a casa due figli piccoli che sicuramente non corrono alcun pericolo perché mica siamo nel mezzo di una dannatissimaapocalissezombie! Vabbè, a parte questo, ciao Michonne, ci mancherai, e magari ci rivedremo in uno dei prossimi film/spinoff.

3.This is Us 4×18 – Presente e futuro
Finale di stagione come sempre denso&intenso. Fra Kevin e Randall volano parole non grosse, di più, che sviscerano i più antichi e segreti contrasti fra i due. E Kevin, nello stesso momento, viene pure a sapere che diventerà inaspettatamente padre, notizia che lì per lì sembra dargli una botta talmente forte, insieme a tutto il resto, da farci vedere vicinissimo il ritorno alla bottiglia. Ma siccome This Is Us ha sempre lavorato su più piani temporali per farci vedere più lati della stessa storia e, soprattutto, per mettere tutte le storie in prospettiva, veniamo subito a sapere che tutto si risolverà, e che a un certo punto Kevin e Randall saranno insieme al capezzale della madre, con i figli di Kevin ormai grandicelli che scorrazzano per la stanza. Sull’altro fronte, Kate e Toby decidono di adottare un’altra bambina, e anche in questo caso arriviamo a vedere il bel frutto della loro decisione. Devo dire che questo sarebbe pure stato un bel series finale, a dirla proprio tutta. Ma evidentemente di roba da raccontare ce n’è ancora…

2.Westworld 3×02 – Simulazioni e draghi!
Altro puntatone densissimo di Westworld, in cui si potrebbe citare praticamente ogni scena. Warworld si rivela essere un mondo simulato, di cui la stessa Maeve dilegga la scarsa originalità (ne avevamo parlato in diretta facebook col Villa). Al suo interno, fra illusioni e manipolazioni temporali, ritrova Lee Sizemore, che sembrava miracolosamente sopravvissuto e invece si scopre essere una copia digitale. Maeve cerca di “fuggire”, pur trovandosi all’interno di una specie di chiavetta usb, e nel farlo ruba un robot della sorveglianza che viene poi abbattuto sul più bello, trasmettendoci un’umanità inaspettata nel suo agonizzare. Alla fine, pure l’incontro con Vincent Cassel. Nel frattempo Bernard mette in piedi una bella buddy comedy con Stubbs, tipo Bud Spencer e Terence Hill fatti di metallo e silicone.
Ma ovviamente, OVVIAMENTE, non possiamo non citare il momento più inutile eppure più figo di tutti, cioè il cameo di David Benioff e D.B. Weiss, creatori di Game of Thrones, che a un certo punto appaiono nelle vesti di due programmatori, impegnati con un drago robotico che, naturalmente, è proprio uno dei draghi di GoT (nello specifico Drogon). Semplicemente delizioso.
(C’è già chi si è chiesto se Game of Thrones e Westworld non possano far parte dello stesso universo, ipotesi ovviamente un tantino azzardata, però sai, da Westworld a Westeros, tutto sommato il passo è breve)

1.Star Trek: Picard 1×10 – Morte e rinascita
Si conclude la prima stagione del nuova Star Trek, e lo fa con un episodio che riesce sciogliere tutti nodi ancora presenti, che mette sul campo effetti speciali di grande pregio, che costruisce momenti di commovente entusiamo (con Will Riker) e struggente nostalgia (con la morte “definitiva” di Data), e soprattutto che prende la decisione assai corraggiosa di uccidere il suo protagonista, dopo quasi 35 anni di onorato servizio.
Certo, Picard non scompare, e la sua coscienza viene trasferita nel golem costruito da Soong. E però ragazzi, quella è una copia, perfetta finché volete, ma sempre una copia, e per quante altre avventure ancora vedremo, quel Picard è ormai deceduto. Quello nuovo, peraltro, è un sintetico, in un momento in cui le relazioni fra umani e sintetici sono sì migliorate, ma devono essere accuratamente coltivate. Sempre sul pezzo il buon capita… pardon, ammiraglio!



CORRELATI