19 Aprile 2021

Serial Moments 472 – Dal 11 al 17 aprile 2021 di Diego Castelli

Padri malati, fratelli riconciliati e ultimissimi addii

ATTENZIONE! SPOILER GIALLI RAFFORZATI DI FEAR THE WALKING DEAD, THIS IS US, MYTHIC QUEST, THE FALCON AND THE WINTER SOLDIER, MADE FOR LOVE, SHAMELESS

6.Fear The Walking Dead 6×08 – Mi spiace John!
Ormai seguo Fear The Walking Dead con poca attenzione, lo devo ammettere, ma sono rimasto colpito dalla morte di John, personaggio non facente parte del cast iniziale dello spinoff, ma presto entrato nel cuore dei fan anche grazie all’interpretazione maschia e insieme patatona di Garret Dillahunt, che io adoro dai tempi di Raising Hope. E niente, volevo dirlo.

5.This Is Us 5×13 – Scavere e scavare
Prima o poi si doveva arrivare a uno scioglimento della tensione fra Kevin e Randall, e l’episodio dedicato a questa questione diventa l’occasione per scavare in profondità nella psicologia di tutti quei bambini e bambine adottate in famiglie di etnia diversa dalla loro. Nel seguire l’episodio, come sempre impeccabile nell’eleganza e nel ritmo, si vede quasi fisicamente la sceneggiatura che dopo aver toccato un certo livello lo supera per scendere a quello successivo, fino ad arrivare al nucleo del disagio dei personaggi. Una puntata non solo emozionante, ma perfino istruttiva.



4.Mythic Quest 1×11 (o 2×00?) – Everlight
In attesa della seconda stagione prevista per maggio, Mythic Quest presenta un secondo speciale dopo quello pandemico, in cui i nostri creatori di videogiochi tornano finalmente in ufficio. L’occasione è quella di una festa annuale in cui, mettendo in scena un gioco di ruolo fantasy medievale, Ian cerca di fare team building, garantendo la vittoria di un improbabile torneo al/alla dipendente meno credibile, giusto per dare un senso di “tutti possono farcela, se ci credono”. Ne esce un episodio divertente, pieno di invenzioni, che si conclude con una scena da fantasy “vero”, in cui l’immedesimazione dei protagonisti nel gioco si tramuta in una sequenza cinematograficamente pregevole.
Il tutto con la voce fuori di campo di Anthony Hopkins. Mica male.

3.The Falcon and The Winter Soldier 1×05 – Introspezioni
Un episodio più drama che action, ma scritto molto bene, in cui la questione dell’iniziale rifiuto dello scudo da parte di Sam si espande a contenere questioni razziali che vanno ben oltre la semplice storiella di supereroi. È tutto messo nel posto giusto, a partire dallo scontro fra Sam, Bucky e Walker (a replicare in parte lo scontro di Civil War in cui c’era Iron Man), passando per il ritorno a casa di Sam e la nascita di un’amicizia vera con Bucky, per arrivare all’introspezione necessaria a capire come e in che modo può avere senso, per lui, accettare l’eredità di Steve Rogers. È pure comparsa Julia Louis-Dreyfus nei panni di Valentina Allegra de Fontaine (nei fumetti vecchia nemica/fiamma di Nick Fury), quindi possiamo essere soddisfatti, pure se si è menato poco.
Uniche note stonate Karli, davvero un antagonista di cui non ci frega nulla, e il fatto che è davvero difficile non pensare all’idiozia di un Falcon povero. Però va bene, ci adattiamo.

2.Made for Love 1×08 – Cerchi che si chiudono
Finale di stagione per quella che, a conti fatti, si è confermata come un vero e proprio gioiellino. Non c’è un solo granello fuori posto in questi primi otto episodi della serie, e l’ultimo episodio riesce nel doppio (o triplo) obiettivo di dare a Hazel il modo di confrontarsi davvero con l’odiato marito Byron (in una scena a cavallo fra drammatico e grottesco), di riconciliarsi in maniera definitiva col padre, e infine di ricadere di nuovo nella rete di Byron, ma in modo credibile: non perché l’uomo riesca effettivamente a intortarla di nuovo (cosa che sarebbe stata inaccettabile), ma semplicemente perché la ricatta. Se Hazel accetterà di tornare a casa con lui, Byron curerà Herb, che ha il cancro.
Per ironia della sorte, fuggire dal matrimonio soffocante con Byron ha permesso a Hazel di riscoprire il rapporto con il padre, ma proprio quel rapporto è alla fine la causa del suo ritorno dal marito, al termine di una scena di grande impatto visivo, in cui scopriamo che Herb viene condotto con l’inganno in un cubo che simula i dintorni di casa sua, ma in cui potrà essere tenuto d’occhio.
La seconda stagione non è ancora stata confermata, ma ci spero molto: questa storia merita di proseguire.

1.Shameless 11×12 – Ciao Gallagher
Del finale di Shameless abbiamo già scritto, ma come si fa a non dargli il primo posto nei Serial Moments? Direi di citare proprio l’ultima scena, con Frank che sale al cielo birramunito, e i figli che cantano davanti alla tesla in fiamme.
Vogliamo ricordarli così, anche perché questa è potenzialmente l’ultima volta che parleremo specificamente della famiglia Gallagher. Questa consapevolezza mi fa un po’ girare la testa…



CORRELATI