4 Ottobre 2021

Serial Moments 495 – Dal 26 settembre al 2 ottobre 2021 di Diego Castelli

Problemi fra coniugi, problemi tra fidanzati, problemi con le zie

ATTENZIONE! SPOILER SILENZIOSI DI SEE, ONLY MURDERS IN THE BUILDING, THE MORNING SHOW, FOUNDATION, SCENES FROM A MARRIAGE, WHAT WE DO IN THE SHADOWS, TED LASSO

7.See 2×06 – Jon Snow scansate
Questo è un serial moment che avrei già dovuto inserire settimana scorsa, ma ero influenzato e sono rimasto indietro con qualche episodio. In pratica, il giovane Kofun si ritrova sedotto dal potere della regina, e per questo si allontana dagli insegnamenti del padre adottivo Baba Voss. E voi direte “ok, quindi?”.
Eh, quindi Kofun non è sedotto solo dal potere, ma proprio dalla regina, che nello scorso episodio l’ha smanacciato di brutto, mentre in questo ci si accoppia con gusto. Tutto bene, vai Kofun sei tutti noi, se non fosse che la regina è sua zia, sorella della madre.
Pranzi di Natale straordinari, in quella famiglia lì.

6.Only Murders in the Building 1×07 – Tutti zitti
Episodio quasi completamente muto (incentrato sulla figura del figlio di Teddy, che è sordo) che unisce il vezzo stilistico a una grande rilevanza narrativa: scopriamo infatti quasi tutto che dovevamo scoprire degli eventi che hanno portato alla morte di Tim Kono (e non solo di Tim Kono). Alcune scene sono un po’ forzate nel loro mutismo, specie quando hai un personaggio come Oliver che probabilmente parla anche quando è da solo sul water, ma l’esperimento risulta comunque interessante.



5.The Morning Show 2×03 – Tanti baci a Julianna
Il terzo episodio stagionale di The Morning Show vede l’ingresso di Julianna Margulies (la Alicia Florrick di The Good Wife, o l’infermeria Carol di ER, se volete essere più vintage) nei panni di una stimata e pericolosa giornalista che intervista sia Alex che Bradley. Alex viene messa in difficoltà con una domanda sulla sua relazione con Mitch, e poi mette in guardia la stessa Bradley contro i possibili magheggi della loro collega/avversaria. Solo che fra Bradley e Laura (il personaggio di Margulies) le cose vanno in modo un po’ diverso: totale accordo, totale armonia, e nell’ultima scena, in macchina, un inaspettato limone! Wait, what?!

4.Foundation 1×03 – Fratello oscurità
Il terzo episodio di Foundation continua nel solco dei primi due, un solco che affascina qualcuno, che annoia qualcun altro, che fa incazzare i puristi di Asimov, ecc ecc.
In tutto questo, nel doppio pilot mi era piaciuta molto la questione di Cleon e dei suoi cloni, che si avvicendano a tre a tre alla guida dell’Impero. In questo episodio vediamo una delle loro sostituzioni: quello che in quel momento era “Fratello Tramonto” giunge alla fine della sua vita, si trasforma in “Fratello Oscurità” poco prima di essere vaporizzato, e fa in tempo a prendere fra le braccia il nuovo piccolo Cleon, cioè il novello “Fratello Alba”, nel brevissimo periodo in cui di imperatori vivi contemporaneamente ce ne sono quattro. Il tutto sotto l’occhio vigile dell’androide che fin dai tempi del primo imperatore vigila su questa strana famiglia geneticamente identica.
Non c’entrerà nulla con Asimov e il suo stile, ma tutta questa storiella mi affascina molto.

3.Scenes from a marriage 1×03 – Little spoon
Ancora un ottimo episodio di Scenes from a Marriage, nonché il primo in cui si veda in maniera così esplicita uno temi sottesi a tutta la miniserie, cioè il ribaltamento dei classici ruoli di genere. Quella di Mira e Jonathan è un matrimonio in cui è la donna a portare a casa lo stipendio più sostanzioso, ma è tutta la loro dinamica a essere uno specchio delle relazioni più tradizionali: lo vediamo in questo episodio dove lei è la più indecisa fra lasciare o meno il focolare domestico, dove lui è quello che ha la responsabilità e in qualche modo il bisogno della cura dei figli, dove addirittura (scena di grande potenza visiva) lui diventa il “little spoon” durante un momento di coccole & confessioni. La storia è dunque quella di una rottura, come mille ce ne sono, ma diventa realmente contemporanea proprio nella messa in discussione dei ruoli stereotipati. Il tutto con la solita bravura dei protagonisti e misura della sceneggiatura.

2.What We Do in The Shadows 3×06 – Baroni e capostipiti
Puntata deliziosa che riesce pure a ricucire alcuni fili del passato: i nostri vampiri preferiti fanno fuggire per sbaglio il Sire, il vampiro più antico di tutti, e per ritrovarlo hanno bisogno dell’aiuto del Barone, che era stato ucciso nelle scorse stagioni e che ora torna in versione “busto con un solo braccio direttamente dissotterrato in giardino”. Il risultato è un episodio deliziosamente imbecille che termina con i due ex prigionieri che vanno a vivere insieme in provincia, trovando di che vivere grazie a un Air BnB. Nel senso che mangiano i clienti.
Che tenerezza.

1.Ted Lasso 2×11 – Brutti brutti segreti
Era una puntata che non mi stava lasciando sensazioni fortissime, perfino rovinata da quel tentativo di bacio di Nate a Keeley che mi era parso, lì per lì, un po’ eccessivo e fuori dalle caratteristiche del personaggio. Poi però ci si è risollevati subito con due-tre schiaffi di quelli forti.
Prima Roy e Keeley che, durante il servizio fotografico di lei, si rivelano segreti scomodi: la dichiarazione di Jamie e il fatto che Roy abbia un po’ flirtato con la maestra della nipotina. Tira una brutta aria su questa coppia meravigliosa, e ormai lo sappiamo da un po’.
Arriva poi un momento di semi-alleggerimento con il saluto di Ted a Sharon (lui le regala uno dei suoi famosi soldatini, forse l’ultimo che aveva, come ulteriore segno di affetto e premura), ma si chiude con un’altra sberla: la notizia degli attacchi di panico di Ted è arrivata alla stampa, ed è stato Nate a fare la spia.
La stagione ci ha lavorato parecchio, ma ora che manca un episodio i nodi vengono al pettine: Nate è l’unico che finora non è ancora riuscito a risolvere nemmeno lontanamente il conflitto con il padre, ed è quello che più di tutti cerca fama e successo non come forma di crescita, ma semplicemente come strumento per rivalersi sul genitore e trovare le conferme su se stesso che, inutile dirlo, non troverà mai finché non risolverà quel primo trauma. E ora lo vediamo cercare validazione nei modi meno appropriati (vedi Keeley) e poi ritorcersi contro l’uomo che gli ha dato la carriera (Ted) perché dopo aver assaggiato un boccone di potere vuole avere tutta la torta. Brutta storia, e tentativo coraggioso e pericoloso di mescolare le carte trasformando in cattivo uno dei personaggi più amati della prima ora. Voglio proprio vedere come la risolvono.



CORRELATI